lunedì 12 gennaio 2009

' A vita


' A vita è bella, sì, è stato un dono,

un dono che ti ha fatto la natura.

Ma quanno po' sta vita è 'na sciagura,

vuie mm' 'o chiammate dono chisto ccà?

E nun parlo pe' me ca, stuorto o muorto,

riesco a mm'abbuscà 'na mille lire,

Tengo 'a salute, e, non faccio per dire'

songo uno 'e chille ca se fire 'e fà.

Ma quante n'aggio visto 'e disgraziate:

cecate, ciunche, scieme, sordomute.

Gente ca nun ha visto e maie avuto

nu' poco 'e bene 'a chesta umanità.

Guerre, miseria, famma, malatìe,

crestiane addeventate pelle e ossa,

e tanta gioventù c'o culo 'a fossa.

Chisto nun è 'nu dono, è 'nfamità.


Antonio De Curtis

Totò

13 commenti:

Squilibrato ha detto...

Totò è uno dei personaggi in assoluto più completi per me. Il mio lato oscuro concorda. Il principe aveva ragione.

liberoPensieRoberto ha detto...

con la citazione al principe, guadagni mille punti !!!!
Io ho due bellissimi libri di poesie di Totò, e una musicassetta dove si sente lui che recita molte di queste.

Sul tema suggerisco di leggere "'a livella", e "Ludovico e Sarchiapone".
Amare riflessioni, che qualcuno etichetta come pessimismo, ma si tratta solo di essere obiettivi.

Ishtar ha detto...

Adoro Antonio De Curtis il mio mitico totò!!!
Non ho perso uno solo dei suoi film...
La vita come tutte le cose ha almeno due medaglie due lati, quello luminoso e piacevole e quello oscuro temibile!
Ma andiamo avanti, ciao :)

wilson ha detto...

Un uomo in mezzo a tanti caporali

Gatta bastarda ha detto...

quanta verità!!!!

e noi siamo i giovani col culo all'aria... accidenti!

liberoPensieRoberto ha detto...

già...
:(

Kat ha detto...

@ Sqily: il principe ha sempre ragione, anche quando balla coi spaghetti in mano!!

@Roby: le so a memoria....a' livella è la mia preferita in assoluto...

@ Ishtar: purtroppo più andiamo avanti e più cresce il lato oscuro.....

@ Wilson: in mezzo ai biscotti!!

@ gatta: si...all' aria....e senza lubrificanti............

liberoPensieRoberto ha detto...

'A livella è il mio cavallo di battaglia eheh.. magari la recito e la posto su youtube ahahah..

la verità è che sin da piccolo ascoltavo le poesie di Totò e ho visto tutti i suoi film.

La sua storia ha del romanzesco: era talmente povero, che un giorno non aveva i soldi del pulman per tornare dal teatro dove faceva la comparsa, a casa...
ma da ricco, non ha mai dimenticato il periodo della fame.
Questo fa di lui un uomo sensibile e umile, se pur severissimo come padre e tremendo come marito.

Una personalità complessa, come solo un artista può avere.

Kat ha detto...

se non la reciti in perfetto napoletano però ti tiro le orecchie...
anni fa ero a Napoli dagli zi, e siamo andati a trovare i nonni al cimitero. nello stesso c' è la tomba di totò e così mi han portata a visitarla...
non hai idea della quantità di lettere, biglietti, feticci e affini sotto cui è sommersa...

la gente lo ama

liberoPensieRoberto ha detto...

perfetto napoletano.. promesso!!!
E non la recito come un afilastrocca, come sento fare ad attori improvvisati e idioti in tv...
Io ci credo profondamente in quella poesia, anche Ludovico e Sarchiapone.
Si recita col cuore, anzi non si recita, si prova davvero qualcosa.

La gente lo ama per lo stesso motivo per cui ha sempre amato Eduardo: al centro della loro arte c'era sempre l'attenzione al povero, al disgraziato, al perdente.

Kat ha detto...

vogliamo parlare di natale in casa cupiello, allora?

mauro ha detto...

Stò criscenno 'nu bello cardillo
Quanta cose che l'aggia 'mparà
adda ire da chisto e da chillo
li masciate po' m' adda purtà.

Siente cca bello mio loco 'nnante
'nce 'na casa 'na nenna 'nce stà
tu la vide ca non è distante
chella nenna aje da ire a truvà

si la truove ca stace durmenno
pe 'na fata guè nun la piglià
nu rommore nun fa cu li penne
guè cardì tu l'avissa scetà

si affacciata po' sta a lu balcone
pe 'na rosa l'avissa piglià
guè cardì vi ca lla nun te stuone
va vatenne cardì 'nnaddurà

si la truove che face l'ammore
stu curtiello annascunnete cca
'nficcancillo deritto a lo core
e lo sanghe tu m'aje da putà

ma si penza vattè chianu chianu
zitto zitto te 'nciaje d'azzeccà
si afferrà po te vo cu la mano
priesto 'mpietto tu l'aje da zumpà

si te vase o t'afferra cianciosa
tanno tu l'aje da dire accussì
lu patrone pe te nun reposa
puveriello pecchè hadda murì

t'accarezza te vasa ah viato
cchiù de me tu si cierto cardì
si cu tico cagnarme m''e dato
doppo voglio davvero murì

mauro ha detto...

sono testi di musica classica napoletana,che trovo molto interessanti.