venerdì 1 agosto 2008

Moschea, Genova solidale per la libertà di culto


"Il comitato antirazzista genovase promotore locale della manifestazione che si terrà a Roma il 4 ottobre 2008 si schiera e solidarizza con le comunità islamiche per affermare la libertà di culto.


Chiediamo al comune di Genova di dare immediata autorizzazione al centro islamico per la costruzione della moschea.


Ad ogni singolo individuo deve essere riconosciuta "dignità umana" , il diritto alla libera circolazione, a scegliere il luogo e le condizioni in cui vivere, per migliorare il presente e costruire il futuro di tutti.
Il riconoscimento della nostra comune umanità motiva una forte mobilitazione diretta e unitaria per affermare solidarietà e accoglienza per tutti.


Il Comitato denuncia la forte discriminazione nei confronti delle comunità islamiche frutto anche di un atteggiamento dei media che alimenta la paura, l'ignoranza ed il pregiudizio verso gli immigrati, dipinti come terroristi o delinquenti.


Il Comitato ti invita a partecipare attivamente alla realizzazione di iniziative volte a solidarizzare, sensibilizzare, informare, denunciare e lottare contro ogni forma di discriminazione, manifesta o nascosta."



Su alcuni punti avrei di cui discutere,
ma...

nessuno, e per nessun motivo, ha il diritto di negare la libertà di culto.

7 commenti:

Ste ha detto...

Più si discrimina più si fomenta l'incomprensione e le follie estremiste (politiche o religiose che siano...).
Sarebbe bello sentire il parere di Fabrizio De Andrè.
Comunque grazie del commento, intanto ti aggiungo tra i miei blggerando. Quei jenas li adoro, una piccola follia nata in terzo liceo fonte di un discreto numero di figure di m. tutto quello che c'è vedi è stato scritto da amici/amiche mentre li indossavo ^^)
Ste

streghetta ha detto...

L' argomento farà sicuramente discutere. Sono concorde al tuo pensiero, libertà di culto,anche se per come la vedo io, per pregare non occorre una moschea o una chiesa, la fede è nei nostri cuori. Notte

Zero ha detto...

ok... libertà di culto.. giusto...

Sono d'accordo.. e dico sul serio... ma...

quand'è che gli italiani tireranno fuori le palle?

Libertà di culto.. ok.. ma solo quando anche noi l'avremo nei loro paesi... libertà di culto.. ok... ma tu ripettami.. che io rispetterò te.

Kat ha detto...

@streghetta: è vero, la fede la abbiamo dentro, ma per tanti è una necessità avere un luogo sacro...
mia nonna andava in chiesa tutti i giorni!

@zero: gli italiani le palle non ce le hanno, ce ben poco da tirar fuori!!
ci sono molti problemi con gli stranieri, è indubbio, ma le leggi ci sono, basterebbe farsi rispettare....
invece lasciamo tutto impunito.
il culto va oltre ogni cosa, ma si potrebbe usare l' occasione per porre delle regole. la legge del taglione credo sia sbagliata, preferisco "chi ha più senno lo usi"...

Zero ha detto...

Son perfettamente d'accordo a metà... :) non parlo di legge del taglione... parlo solo di farsi rispettare.... e a dirla tutta non so se sia vero che gli italiani non hanno le palle.. i Vespri siciliani? La rivolta napoletana condotta da Masaniello? Le 5 giornate di Milano? Queste rivolte furono organizzate quando le pene erano ben più severe di quelle attuali.. quando si rischiava parecchio... penso che prima o poi ci saranno altre serie rivolte in italia... dobbiamo solo aspettare che manchi il pane... o che ci riduciamo come in argentina.. allora si che ce ne saranno delle belle!

Kat ha detto...

hai ragione, ma è talmente ridicola e triste la necessità di arrivare agli estremi...

basterebbe un pò di impegno da parte di tutti. è indecente che per alzare la testa sia necessario restare a piatto vuoto.
ma purtroppo è anche vero che finchè non c' è niente da perdere rischiare è ben pesante....

le rivolte già ci sono.pensa al rogo del campo rom in campania...ma siamo ancora troppo distanti.le persone risparmiano sui beni di prima necessità per potersi permettere costose frivolezze, i bambini a scuola si picchiano per vestiti firmati, sento ancora frasi tipo "tornatene al tuo paese"...
è la mentalità generale che secondo me si è spostata su una scala di valori sbagliata e deviante.

Zero ha detto...

si... qui ci hai proprio preso!